bounce-rate-alto-capire-se-pericoloso
Mercoledì, 10 Ottobre 2018

Bounce Rate alto: Come capire se è davvero pericoloso

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 306 volte

Ben ritrovati sul mio blog!

La realizzazione di siti web e gli studi sull'usabilità vanno a braccetto per offrire piattaforme web performanti, intuitive e rapide da navigare per far sì che i visitatori rimangano all'interno del sito il più a lungo possibile.

Per verificare se si è sulla strada giusta per raggiungere questo obiettivo si analizza, tra le varie metriche di Analytics, il bounce rate, ovvero la frequenza di rimbalzo, che si rivela essere molto importante per decidere come migliorare la propria offerta di contenuti.

Cos'è il bounce rate e perché è così importante da analizzare?

Il bounce rate rappresenta la percentuale degli utenti che entrano nel sito web e che ne escono senza avere visitato nessuna pagina oltre la prima.

Per esempio, se tutti gli utenti di un blog dovessero entrare, visitare una sola pagina e quindi abbandonare il sito, avremmo un bounce rate del 100%.

La frequenza di rimbalzo può rivelarsi un indicatore prezioso alla base delle considerazioni sul successo del nostro progetto in rete. Un bounce rate molto alto – sopra il 70%, ad esempio – porta a pensare che esistono delle ragioni oggettive a causa delle quali la gran parte dei navigatori non riesce - oppure non ha interesse - a proseguire nella consultazione di altre pagine.

Una serie di ragioni alla base di un bounce rate alto possono essere:

  • la mancanza di link ben visibili che spingano gli utenti ad esplorare altre pagine
  • l'assenza di collegamenti pertinenti all'argomento trattato nella pagina in questione
  • problemi tecnici che impediscono di accedere ad altre pagine
  • a presenza di pagine 404 (contenuti non trovati) alle quali le persone accedono dai motori di ricerca
  • un messaggio visibile in serp (il Title oppure la Description) che non è coerente con il contenuto effettivo della pagina

Tutti questi fenomeni ovviamente riducono le nostre possibilità di convertire gli utenti in clienti fidelizzati per merito delle nostre call to action. Come facciamo ad ottenere i dati dei potenziali clienti se questi escono dal sito senza avere visto quasi niente oltre alla pagina di atterraggio?

Alcuni possibili rimedi per ridurre il bounce rate possono essere:

  • rendere i collegamenti meglio visibili (es. di un colore acceso e/o sottolineati) agendo sui font e sugli accorgimenti di user experience per il sito web
  • assicurarsi che ci siano sempre link a contenuti pertinenti al tema della pagina
  • verificare la presenza di link rotti con un tool come Free Broken Link Checker
  • analizzare Title e Description delle pagine con un maggiore bounce rate per scoprire se presentano testi che disattendono le premesse

Non dimentichiamo mai di metterci nei panni del nostro lettore tipico per comprenderne esigenze ed aspettative.

Se una query di Google ha uno spiccato intento commerciale (es. scarpe da corsa) un nostro contenuto di taglio esclusivamente informativo (es. le caratteristiche dei vari tipi di scarpe da corsa) presenterà un tasso di abbandono troppo alto per portare a risultati apprezzabili.

In questo caso, potremmo orientare i testi a ricerche più coerenti con le nostre esigenze di business (es. il tipo particolare di scarpe che gli ecommerce generalisti non trattano) per assicurarci di soddisfare le necessità e la curiosità dei visitatori.

Vuoi una mano per aumentare il tempo di permanenza nel tuo sito?Contattami senza impegno

Perché il bounce rate alto non è per forza un elemento negativo?

Come abbiamo visto, il bounce rate è un indicatore che ci aiuta a valutare se le persone si limitano ad esplorare solamente una pagina all'interno del nostro sito per poi uscire.

In linea teorica, un valore alto della frequenza di rimbalzo significa che gli utenti incontrano ostacoli nella navigazione oppure non hanno elementi di richiamo che li spinga a visionare altri contenuti.

Tuttavia, il bounce rate non è necessariamente un elemento negativo.

All’interno di ogni pagina ci sono elementi con i quali gli utenti possono interagire ovvero:

  • form di contatto
  • pulsanti call to action
  • chat automatizzate

e se una persona interagisce con esse si può generare un contatto commerciale a prescindere dal numero di pagine visitate.

Le landing page nascono proprio per indirizzare gli utenti allo svolgimento di un’azione particolare, e oltretutto sono concepite, durante la realizzazione dei siti internet come elementi che devono presentare meno elementi possibili rivolti alla navigazione, per non disperdere l'attenzione.

Una persona trova una promessa allettante di un beneficio, accede alla pagina, fornisce i suoi dati per scaricare un contenuto, dopodiché esce.

Il fatto che i navigatori escano dopo averla compiuta non comporta pertanto un riscontro negativo delle aspettative.

C'è da considerare inoltre che esistono anche siti monopagina estremamente verticalizzati e che hanno lo scopo di sviscerare un solo argomento ma in maniera approfondita.

Ad esempio, per rispondere alla query “come rimuovere la muffa” potrebbe benissimo bastare un solo, lungo articolo che affronti minuziosamente origine del fenomeno e metodi per tutte le tasche per correggerlo. In un caso del genere, un bounce rate del 100% sarebbe del tutto normale e pertanto non costituirebbe assolutamente un valore di demerito.

Come giudicare se un bounce rate è buono oppure troppo alto?

Non esiste una formula o un rapporto matematico buono a prescindere per valutare se il tasso di abbandono è alto o meno.

Sarebbe come dire che un portale che fa 10.000 visite al mese è di successo mentre chi ne fa soltanto 1.000 è un fallimento, senza sapere a quale tasso di conversione corrispondono questi valori.

Se la maggior parte dei siti del settore di riferimento presentano un tasso di abbandono dell'80%, ad esempio, un portale con il 70% di rimbalzo risulterebbe più performante della media. Al contrario, se un'ipotetica media dovesse attestarsi sul 40%, un bounce rate del 50% - generalmente accettabile – in questo specifico caso rivelerebbe preziose occasioni di miglioramento.

Occorre quindi rapportare questo valore – che è appunto UNA delle metriche a disposizione – con tutte le altre di Analytics alle quali possiamo accedere (tempo di permanenza, click ottenuti, conversioni per obiettivo...) per avere un quadro più comprensibile e rivelatore, dello stato di successo dei nostri siti web professionali.

E tu, che cosa ne pensi? Quali sono le considerazioni che applichi nelle valutazioni attorno al bounce rate? Fammi conoscere la tua opinione!

Ti è piaciuto l'articolo?Lasciami un commento

Ultima modifica: Mercoledì 10 Ottobre 2018

Totale commenti: (0)

Non ci sono ancora dei commenti. Commenta l'articolo per primo!

Lascia qui i tuoi commenti

  1. Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location