fbpx
come-ottimizzare-permalink-perfetti
Lunedì, 07 Gennaio 2019

Come ottimizzare i permalink e renderli perfetti

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 780 volte

Ben ritrovati sul mio blog e buon anno a tutti!

Dopo la realizzazione dei siti web, blog o ecommerce che i miei clienti mi commissionano, un passaggio fondamentale è l’ottimizzazione SEO dei contenuti per aumentarne la visibilità su Google.

Questo comprende curare tutti i singoli elementi di un progetto editoriale in rete, dai testi alle immagini, dai tempi di caricamento all’architettura dei contenuti.

Non ultimo, l’indirizzo URL (permalink) delle pagine web deve essere curato per garantire alle persone e ai motori di ricerca di comprenderne appieno i contenuti.

Hai mai pensato a come ottimizzare i permalink delle pagine del tuo sito?

Guide for SEO friendly URL
 

From Visually.

Vuoi un esperto SEO per ottimizzare la struttura del tuo sito?Sono a tua disposizione!

Una URL ben strutturata deve:

  • includere il protocollo per trasmettere i dati e accedere al server
  • contenere il nome di dominio del sito web dentro il quale è collocata
  • indicare il percorso della risorsa in questione

La URL identifica in termini univoci ogni contenuto di un sito e ha lo scopo - quando impostato - di fornire informazioni sul significato di ogni materiale.

La cura nell’ottimizzazione delle URL delle pagine è una strategia preziosa che ti consente di aumentare la visibilità dei tuoi contenuti.

Le URL infatti sono percorsi dei file che comunicano in maniera chiara e precisa ai motori di ricerca il significato delle pagine. Le strutture che li compongono costituiscono sia un modo di comunicare i contenuti al lettore che di specificarne il significato ai crawler dei motori di ricerca.

Questa pratica di ottimizzazione SEO del sito consente di rendere i tuoi contenuti più comprensibili ai crawler di Google che scandagliano il web alla ricerca di nuovi materiali da inserire nei propri archivi.

Rendere intuitivo il significato delle pagine significa aumentare le possibilità di posizionarsi per le chiavi di ricerca interessanti per il proprio business.

Le URL di facile lettura sono quanto più possibile brevi e concise, comprensibili sia per i lettori che per i motori di ricerca.

 

L’analisi delle keywords si rivela molto importante anche in questa fase. Dalla ricerca delle parole chiave più vantaggiose per le quali vuoi posizionare i tuoi articoli, puoi scegliere i termini da utilizzare non soltanto all’interno del testo delle pagine, ma anche come parole da inserire nelle URL.

Si tratta infatti di vera e propria attività di ottimizzazione SEO on page che concorre ad offrire un’appagante esperienza di navigazione ai propri utenti.

Una struttura permalink da evitare è qualcosa del tipo: www.sito.com/?p=1234, una stringa di default che contiene caratteri numerici poco significativi agli occhi degli utenti e soprattutto dei crawler dei motori di ricerca. Essa non apporta nessun vantaggio in termini SEO.

Come vedi, questo articolo ha come URL invece:

https://www.gianluigicanducci.com/blog/seo/come-ottimizzare-permalink-perfetti.html perché è proprio quello che voglio comunicare, ovvero una piccola guida su come ottimizzare i permalink e renderli perfetti per il visitatore.

In questo permalink c'è tutto quello che serve per capire quello che siamo guardando e dove ci troviamo all'interno del sito. Per esempio Google potrà capire che ci troviamo all'interno della sezione blog (/blog/), che al suo interno esiste una categoria sulla Seo (/seo/) e che il nostro articolo che parla dell'ottimizzazione dei permalink (come-ottimizzare-permalink-perfetti.html) si trova proprio li.

Per modificare la struttura dei permalink di Wordpress, puoi accedere dalla tua bacheca del menu di back-end alla voce Impostazioni -> Permalink e scegliere la Struttura personalizzata più consona alle tue esigenze. Ricordati di rimuovere eventuali articoli e congiunzioni dai permalink degli articoli che Wordpress integra automaticamente dal titolo: si tratta di parole del tutto inutili per trasmettere il significato della pagina e che Google ha ormai imparato ad ignorare senza nulla perdere.

Tieni presente che se modifichi la struttura delle URL già presenti sul sito web, potresti creare una catena di errori 404 su tutte le pagine già pubblicate, che potrebbero portarti a perdere autorevolezza.

In quel caso ti conviene:

  • impostare i redirect dal file .htaccess
  • aggiornare subito dopo i link interni per correggere eventuali collegamenti interrotti, ad esempio con tool come Broken Link Checker

In definitiva, le URL delle pagine davvero efficaci dovrebbero:

  • esprimere chiaramente il contenuto della pagina nel minor numero di parole possibili
  • utilizzare le parole chiave per le quali vuoi posizionarti
  • rinunciare alle stop words se non servono a definire il senso in maniera migliore
  • rimuovi le stringhe numeriche e di testo incomprensibili

Queste sono alcune delle mie considerazioni su come andrebbero ottimizzati i permalink di un sito web.

E tu cosa ne pensi?

Gianluigi Canducci

Mi chiamo Gianluigi Canducci, sono un esperto in web marketing, web designer, consulente e social media manager con sede a Cervia tra le province di RiminiRavenna e Forlì Cesena. Ho oltre 10 anni di esperienza nel campo e assieme ai miei collaboratori mi occupo della gestione di account Instagram e gestione pagine Facebook e della loro sponsorizzazione con annunci pubblicitari social ads mirati, di realizzazione di App personalizzate e di indicizzazione di siti web su Google. Sono a disposizione di piccole e medie imprese, freelance e brand personali in cerca di una figura con esperienza e dedizione.

Ti è piaciuto l'articolo?Lasciami un commento

Ultima modifica: Lunedì 07 Gennaio 2019

Totale commenti: (0)

Non ci sono ancora dei commenti. Commenta l'articolo per primo!

Lascia qui i tuoi commenti

  1. Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location