come-valorizzare-immagini-seo
Sabato, 06 Ottobre 2018

Come valorizzare le immagini per la SEO

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 613 volte

Ben ritrovati sul mio blog!

Nella SEO non bisogna affidare proprio nulla al caso. Se vuoi aumentare il traffico di visitatori e migliorare l'efficacia delle call to action, hai tutto l'interesse a valorizzare gli elementi visivi che costituiscono un fattore di richiamo importante, al pari del codice e del testo e degli altri contenuti.

L'importanza delle immagini per i siti web

Chi si occupa della realizzazione di siti web sa che deve puntare in egual misura sia su una infrastruttura agevole nella navigazione che sui contenuti di valore, per attrarre l'interesse degli utenti sugli inviti all'azione.

Le immagini infatti:

  • rafforzano l'effetto comunicativo dei testi ai quali sono associate
  • riducono il tasso di rimbalzo mantenendo l'attenzione dei visitatori sulle pagine
  • possono essere impiegate per offrire agli spider dei motori di ricerca segnali aggiuntivi sul contenuto della pagina
  • aumentano l'efficacia delle call to action che accompagnano

Pensa per un attimo a quante ricerche svolgi ogni giorno su Google Images (ad esempio, quando sei in cerca di un’ispirazione visiva oppure quando vuoi farti l'idea delle caratteristiche di un certo prodotto) e avrai un'idea delle visite che immagini attraenti, di buona qualità non banali sono in grado di attrarre verso il tuo sito.

Le foto inoltre, hanno il merito di spezzare gli ingombranti muri di testo che disincentivano dalla lettura e di attirare verso i contenuti importanti.

Per questa ragione, è sempre bene introdurre all'interno di un corposo articolo un contenuto visivo come:

  • un'immagine che illustri il significato dei concetti esposti (se parli di una procedura informatica ad esempio potresti inserire schermate di codice per aiutare a concepire il procedimento)
  • un video attinente al tema trattato (una procedura illustrata aiuta la comprensione e rende più rilevanti gli articoli che accompagnano)
  • un’infografica che faciliti la comprensione di un grande quantitativo di dati in poco spazio e che permetta di condividerli con facilità
  • una o più slide, ideali per riassumere in forma visiva concetti importanti a mo' di riassunto
5 things every image needs
 

From Visually.

Vuoi migliorare le performance del tuo sito web?Contattami, posso aiutarti!

Come ottimizzare lato SEO le immagini per i siti web

Le immagini di alta qualità sono quelle che indubbiamente contribuiscono a catturare lo sguardo sulla pagina: un’ottima risoluzione tuttavia comporta anche un peso maggiore, e ciò incide inevitabilmente sul tempo che occorre per mostrare ai visitatori la pagina completa. Per fortuna ci sono a tua disposizione un bel numero di tools per ridurre il peso delle immagini dall'uso intuitivo che ti aiutano a raggiungere un buon equilibro tra la qualità visiva delle foto e la loro gravosità in termini di dimensioni.

Si tratta inoltre di considerare le immagini dal punto di vista delle dimensioni: se ti limiti a caricare le illustrazioni con le loro proporzioni originali costringerai i browser ad impiegare secondi preziosi per ridimensionarle e adeguarle ai dispositivi che visitano la pagina.

Se riconosci, come ho citato in diversi articoli, che la stragrande maggioranza delle visite arrivano attraverso tablet e smartphone, ti farai un'idea di quanto trascurare le dimensioni delle immagini possa rivelarsi deleterio per la user experience del tuo sito web.

Attraverso strumenti online gratuiti come TinyPng puoi facilmente scalare le dimensioni delle immagini per ricondurle a formati più consoni alle esigenze delle tue pagine.

In questo modo agevoli il lavoro dei browser che potranno risparmiarsi sforzi inutili e restituire le pagine ai visitatori in maniera più celere.

Gli aspetti dei file delle immagini sono ugualmente importanti per l'ottimizzazione delle immagini per i motori di ricerca.

I tag associati alla loro definizione possono essere ottimizzati secondo criteri di significato per i crawler dei motori di ricerca che così possono assumere ulteriori informazioni sui contenuti visivi che scansionano.

I tag che devi prendere sempre in considerazione sono:

  • il nome del file: rinominare un'immagine prima di caricarla sul sito è un buon modo di aumentare la pertinenza di un contenuto visivo rispetto al testo
  • il Title: una puntualizzazione sul contenuto del foto che permette di mostrare un testo in sovrimpressione quando si passa con il mouse sopra di essa
  • il tag ALT: un'indicazione sul significato dell'immagine che può essere d'aiuto ai non vedenti che consultano il sito web con browser speciali
  • la Description: in questo campo puoi inserire una breve descrizione. Non deve trattarsi per forza di un’effettiva riproposizione del contenuto dell'immagine quanto di supportare la conversione dell'utente.

Ovviamente questi campi non devono essere riempiti ognuno come la fotocopia dell'altro, ma vanno impiegati per fornire diverse forme di significato al lettore. Il nome del file può fornire un'indicazione sul soggetto della foto, la Description sottolineare il messaggio della pagina, il tag Title fornire una specifica su ciò che l'immagine vuole andare a comunicare e il tag ALT specificare il contenuto dell'immagine per il lettore umano.

E tu, che cosa ne pensi? Quali sono gli accorgimenti che secondo te non devono mai mancare nell'ottimizzazione SEO delle immagini? Mi piacerebbe un tuo commento, qua sotto!

Ti è piaciuto l'articolo?Lasciami un commento

Ultima modifica: Sabato 06 Ottobre 2018

Totale commenti: (0)

Non ci sono ancora dei commenti. Commenta l'articolo per primo!

Lascia qui i tuoi commenti

  1. Posting comment as a guest.
Allegati (0 / 3)
Share Your Location