fbpx
gestione-pagina-facebook-quanto-costa
Mercoledì, 09 Dicembre 2020

In cosa consiste la gestione di una pagina Facebook e quanto costa?

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 902 volte

Ben ritrovati sul mio blog

Gestione pagina Facebook: la stai facendo nel modo corretto?

Mi capita spesso di ricevere richieste di preventivo per la realizzazione di siti web, piuttosto che altri servizi come il posizionamento organico su Google e campagne pubblicitarie.

Dal momento che ho una squadra operativa sulla quale contare per soddisfare praticamente qualsiasi esigenza, quando mi trovo a discutere di qualsiasi progetto web, lo affronto con una visione di insieme più ampia e più completa possibile.

Ciò significa che il cliente, a mio avviso, dev’essere seguito in tutte le sue parti e lasciare scoperto anche solo un fianco, non è corretto, né professionalmente nè tantomeno per etica.

Il concetto è molto semplice e mi domando: se può guadagnare di più e rinforzare in maniera massiccia la sua presenza sul web, perché non accompagnarlo verso quella direzione?

Gli presento il ventaglio di opzioni che ci sono a disposizione e qui inizia per me la grande frustrazione.

Mi accorgo che l’attenzione è rivolta quasi esclusivamente alla realizzazione del sito web, sull’ottimizzazione delle pagine e dei contenuti, snobbando per esempio il lavoro e tutto il potenziale legato al mondo social.

Questo perché? Perché si associa l’utilità o l’inutilità di una piattaforma, di un canale o di un mezzo, secondo il nostro diretto comportamento nei suoi confronti.

Ovvero, il modo di pensare è: “Per me Facebook è una perdita di tempo…su Facebook mi annoio…su Facebook ci sono solo ragazzini stupidi e quindi la mia presenza e quella della mia attività è superflua e su quel social non ci investo nemmeno un euro”.

Altri invece mi rispondono: “No grazie, per i social ci pensa mio figlio o il mio amico che aggiusta i computer…” oppure “No grazie, per i social sono a posto” come se fosse un commensale al ristorante, dopo che il cameriere gli ha chiesto se desiderava altro, dopo il caffè…

Ho riflettuto molto su questo aspetto e qualche risposta me la sono anche data.

Sul panorama digital, il mondo social, è quello più recente e forse per questo, quello meno conosciuto.

Poi c’è l’idea che il concetto social sia sinonimo di ragazzini, teenagers, cazzeggio e perdita di tempo.

Bah, forse, sotto alcuni aspetti, un fondo di verità può anche starci, ma siamo davvero sicuri sia così reale questo ragionamento?

La verità è un’altra

Sui social ci sono tutti e questi “tutti” possono essere anche dei tuoi potenziali clienti che puoi raggiungere.

Gestione pagina Facebook: perché viene fatta male?

Quello che noto è l’utilizzo inutile del social.

La presenza sui social, un pò come avviene (o dovrebbe avvenire) nei contenuti delle pagine web deve comunicare la tua identità, il tuo pensiero, la tua visione delle cose.

Ognuno di noi ha un nemico, non inteso come il ragazzino che da piccoli ci rubava il pallone all’oratorio, ma inteso come categoria. E tutta la nostra comunicazione la dobbiamo rivolgere in quella direzione, sfoggiando i nostri punti forti e quindi la nostra promessa di valore.

Per esempio la mia categoria nemica è la web agency. Infatti, già da tempo, ho deciso di essere freelance, proprio perché non sopporto il loro modo di fare, fatto di procedure blindante e standard. L’unico legame che creano col cliente è solo quello col suo portafogli.

Io invece tendo a creare un rapporto a lungo termine, rendendomi disponibile e vicino, alleviando i dubbi e i timori e non solo svolgendo il lavoro che mi viene incaricato. Del resto siamo persone no?

Per gestire la pagina social occorre essere un grafico?

Come per la maggior parte di domande di questo tipo la risposta è sicuramente “dipende”.

Dipende innanzitutto dal settore e dal social stesso. Gli approcci sui rispettivi social sono tutti diversi ma senza farti troppe fisime ti rispondo in questo modo: ognuno sfrutta la forza che ha, perciò, indipendentemente dal settore, chi è più bravo come grafico tenderà ad usare la grafica e la creatività; chi è più bravo con le parole sfrutterà prevalentemente il copy.

Quello che occorre SEMPRE fare è veicolare il messaggio nel modo più corretto, grafica o copy che sia. Bisogna portare un messaggio, sfruttando un copy posizionante che determina appunto sempre chi sei e cosa vuoi dire. Occorre sempre comunicare un perché in tutto quello che dici.

  • Perché le persone devono scegliere te, rispetto ai tuoi concorrenti?
  • Perché hai scelto di fare ciò che fai?
  • Perché occorre fare questo, piuttosto che quello?

tieni sempre a mente “il perché”.

Ora, dopo tutto questo racconto, prova ad andare su una delle tante pagine social e cerca di analizzare con aspetto più critico i contenuti che vengono periodicamente proposti. Ti accorgerai che la maggior parte non ha una rotta ben precisa.

Il social come mezzo per veicolare il tuo brand

Se pensi che i social siano solo cazzeggio, sottovaluti un aspetto fondamentale che è quello di potenziare il tuo brand.

Lo potenzi in due modi:

Per chi non ti conosce:

  • Attraverso i tuoi contenuti veicoli il tuo messaggio e troverai persone che, sposando in pieno il tuo modo di pensare e vedere il mondo, inizieranno a seguirti;

Per chi invece già ti conosce:

  • I social sono un ottimo strumento per fidelizzare e potenziare ancora di più il rapporto.

Quanto può costare la gestione di una pagina su Facebook?

Qui tocchiamo una delle corde più sensibili del panorama digital e social.

Cercherò di spiegartelo nel modo più semplice, senza però cadere in banalità.

Quello che devi capire è il valore del lavoro che viene svolto sui social. Se non capisci il valore diventa tutta una strada in salita e se continui ad avere troppa retrosìa sull’argomento ti invito a chiudere qui l’articolo, perché credo non sia il momento più propizio per te di affrontare questo argomento.

Se invece riesci a smontare i tuoi schemi mentali e mettere in discussione la tua opinione, abbandonando il forte pregiudizio che tiene in gabbia il tuo desiderio di crescita e miglioramento, prosegui pure la lettura.

Dicevo, quello che devi capire è il valore che viene espresso sulla tua presenza social. Significa che il mezzo non è importante, ma è importante invece come lo stesso viene usato.

Se tu attraverso il social riesci a ricevere l’attenzione giusta da parte del tuo target ed entrare nella loro testa, aumentando così giorno per giorno il loro desiderio di leggerti e mettersi in contatto con te, hai fatto bingo.

Il costo per raggiungere tutto questo varia a seconda di diverse variabili. Una cifra normale di gestione pagina Facebook dovrebbe aggirarsi intorno alle 300/400€ al mese, con una pubblicazione di due o tre post alla settimana, incluse le campagne ads.

Concludendo

Sicuramente riceverai proposte diametralmente opposte tra loro. Ovvero, gestione pagine intorno alle 1000/1500€ al mese, più o meno delle stesse caratteristiche descritte sopra, piuttosto che una gestione pagina Facebook al costo di 50€ al mese, tutto compreso.

Occorrerebbe capire che tipo di lavoro viene fatto, perché se parliamo di un lavoro altamente creativo, continuativo, con diverse pubblicazioni al giorno…bè, il prezzo non può essere basso.

Su proposte da 50€/mese, ti invito un attimo a riflettere, perché ti stai allontanando dal principio di social media marketing, avvicinandoti al concetto, molto pericoloso, della prostituzione digitale.

Che è tutt’altra cosa...

Gianluigi Canducci

Mi chiamo Gianluigi Canducci, sono un esperto in web marketing, web designer, consulente e social media manager con sede a Cervia tra le province di RiminiRavenna e Forlì Cesena. Ho oltre 10 anni di esperienza nel campo e assieme ai miei collaboratori mi occupo della gestione di account Instagram e gestione pagine Facebook e della loro sponsorizzazione con annunci pubblicitari social ads mirati, di realizzazione di App personalizzate e di indicizzazione di siti web su Google. Sono a disposizione di piccole e medie imprese, freelance e brand personali in cerca di una figura con esperienza e dedizione.

Ultima modifica: Mercoledì 09 Dicembre 2020