realizzazione siti web cervia rimini forlì cesena rimini e ravenna

realizzazione siti web cervia rimini forlì cesena rimini e ravenna

che-differenza-c-e-tra-una-grafica-vettoriale-e-una-raster
Martedì, 02 Maggio 2017

Che differenza c’è tra una grafica vettoriale e una raster?

L'articolo è stato letto 269 volte

A questa domanda ho risposto tantissime volte nel corso degli anni e ho deciso di scriverci un articolo.

Grafica raster

Una grafica raster o bitmap è formata da centinaia, migliaia o addirittura milioni di piccoli tasselli colorati posti uno fianco all’altro (immaginatevi un mosaico). Questi tasselli colorati si chiamano pixel. La densità dei pixel dipende dalla qualità (risoluzione) dell’immagine. Più è alta la risoluzione e più pixel contiene.

Le grafiche raster sono vincolate dalla loro dimensione. Non è possibile ingrandirle senza perdere di definizione.

Vi è mai capitato di scaricare una foto da internet e di doverla ingrandire? Sicuramente si. Avrete notato più di una volta quei fastidiosi quadratini che rendono la foto sgranata. Questo succede quando abbiamo un’immagine piccola con pochi pixel.

Esempio:

Ipotizziamo di avere una foto grande 500x500 pixel e di volerla ingrandire a 1000x1000 pixel, la nostra foto risulterà sgranata perché il computer dovrà “indovinare” i pixel mancanti creando una sorta di interpolazione tra di essi.

 

 

Grafica vettoriale

Le grafiche vettoriali sono costituite da forme geometriche di base come punti, linee e curve conosciute come vettori. Il rapporto tra queste forme è espresso tramite equazioni matematiche. Il design grafico vettoriale per eccellenza è quello per la creazione dei loghi.

I file vettoriali possono essere ridimensionati a nostro piacimento senza perdere qualità. Lo stesso file possiamo stamparlo sia su un bigliettino da visita che su uno striscione per eventi grande 20metri. Considerando che un’immagine raster deve interpretare i colori dei pixel mancanti quando la ridimensioniamo, un'immagine vettoriale invece utilizza semplicemente l'equazione matematica originale per creare forme e colori coerenti ogni volta.

A differenza dei formati raster, i file vettoriali se aperti con programmi opportuni come Adobe Illustrator possono essere modificati senza problemi perché tutte le forme che compongono il file hanno una propria identità.

Queste curve sono denominate "Curve di Bezièr" e sono oggetti vettoriali che ci permettono di creare linee curve a partire da 2 punti e ci aiutano a stabilirne la forma modificando gli angoli di tangenza.

Gianluigi Canducci

Gianluigi Canducci

Sono un grafico pubblicitario e web designer freelance con oltre 10 anni di esperienza, vivo a Cervia ma lavoro anche a Rimini, Forlì e Cesena, Riccione, Cesenatico, Milano Marittima, Ravenna e più in generale su tutto il territorio nazionale. Sono specializzato nella comunicazione per immagini e nello sviluppo per il web e unisco queste mie passioni per creare campagne promozionali in rete dalla grafica condivisa e accattivante. Realizzo e gestisco siti aziendali, e-commerce e blog, curo progetti grafici elaborati come loghi, bigliettini da visita, brochure, volantini e newsletter per aziende e professionisti locali.

Anche se sono un freelance amo lo stesso lavorare in team! Nel corso degli anni ho messo insieme una squadra di professionisti specializzati con cui collaboro per offrire ai miei clienti un servizio ancora più ricco, completo e vantaggioso. Hai bisogno di una consulenza? Sono qui per aiutarti, scrivimi per ricevere un preventivo senza impegno!

L'articolo "Che differenza c’è tra una grafica vettoriale e una raster?" è stato letto 269 volte

Totale commenti: 0

Non ci sono ancora dei commenti. Commenta l'articolo per primo!

Lascia qui i tuoi commenti

Allegati (0 / 3)
Share Your Location