fbpx
seo-landing-page
Giovedì, 25 Febbraio 2021

SEO e Landing Page: come ottimizzare contenuti e immagini

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 2606 volte

Ben ritrovati sul mio blog

La landing page, di cui ti ho parlato altre volte in questo blog, rappresenta una pagina in cui viene fatto atterrare un utente dopo aver visualizzato una campagna promozionale oppure in seguito a ricerche effettuate sui motori di ricerca.

Si tratta di un canale di comunicazione molto utile soprattutto in termini di lead generation. Tuttavia spesso ci si focalizza solo sulla cura della sua struttura e viene ignorata la necessità di inserirla in una strategia di search engine optimization basata sul contesto. Questo si traduce nella perdita dell’opportunità di sfruttare i risultati organici dei motori di ricerca e rende necessario ricorrere alle adv per dare visibilità alla pagina di atterraggio.

Vediamo quindi come sviluppare una strategia SEO in grado di posizionare al meglio la tua landing page.

Ottimizza il titolo della Landing page in base alla parola chiave

Il titolo della pagina di atterraggio deve essere breve, attraente per gli utenti, ma soprattutto pertinente rispetto al servizio. Quest’ultima caratteristica è fondamentale per rispondere al requisito di coerenza del contenuto rispetto alle keyword, che è uno dei principali elementi che Google valuta quando deve assegnare il punteggio di ranking.

Definisci i Tag H1, H2 e successivi della pagina

Scegli e indica con cura l’heading principale (H1), il titolo del paragrafo (H2) e i successivi sottotitoli (da H3 in poi). È vero, questi elementi non influiscono sulla strategia SEO come il tag title, l’elemento inserito all’interno del codice HTML con la funzione di specificare il titolo della pagina di un sito. Tuttavia, sceglierli con attenzione, ti consente di migliorare la User Experience rendendo più semplice e piacevole la navigazione nella pagina. E sappiamo che Google attribuisce molto valore al funzionamento della visita del sito.

L'URL deve essere diretta ed esplicativa. Non dovrebbe superare i 65 caratteri inclusa la keyword. Utilizza parole utili e semplici per descrivere il topic: sarà di grande aiuto per i visitatori per identificare la value proposition.

Aggiorna i contenuti della tua landing page

Soprattutto se la tua landing page è inserita all’interno di un funnel e quindi è pensata per essere visualizzata a lungo, è necessario che i suoi contenuti siano costantemente aggiornati. Anche questa è una caratteristica che Google tende a premiare, anche perché inserire nuovi contenuti fa sì che l’algoritmo passi di nuovo in scansione la tua pagina e valuti nuovamente un punteggio da attribuirle. Non trascurare inoltre il fatto che a livello di Content Strategy, aggiornare i contenuti con una certa regolarità ti permette di testare cosa funziona di più e come reagiscono gli utenti.

Controlla che non vi siano errori relativi alla pagina

Sembrerà scontato, ma tieni bene a mente che gli errori che possono comparire quando si visita un determinato sito web, rischiano di essere molto penalizzanti anche per una singola landing page. Verifica dunque che tutti i link e reindirizzamenti portino a pagine esistenti (quindi che non abbia luogo il cosiddetto Errore 404). Evita, se possibile, di inserire animazioni particolari che potrebbero essere difficilmente visualizzabili da mobile. Questi non piacciono a Google perché rallentano il sito, non rendono chiara la comprensione del contenuto generale ed inficiano l'esperienza di visita. Per questo motivo ti consiglio anche di evitare i pop-up: generalmente sono considerati invadenti e rischiano solo di aumentare il bounce rate (il tasso di abbandono della pagina). Mantienili solo se possono avere un’utilità in termini di conversione e quindi possano influire nella volontà dell’utente di concludere l’azione che desideri che venga compiuta sulla tua landing.

Velocizza i tempi di caricamento della landing page

Lo Speed Update, rilasciato a luglio del 2018, ha annoverato tra i fattori di ranking anche la velocità di una pagina. Questo ha determinato un aumento del focus di Google sul tempo di caricamento di un sito soprattutto da mobile, tenendo conto del fatto che una gran parte del traffico deriva da smartphone e tablet. Anche per quanto concerne la visita ad una landing page, il tempo di caricamento rappresenta una condizione sufficiente affinché un utente decida di fermarsi sulla pagina oppure abbandonarla. Pertanto, controlla gli elementi da cui può derivare un rallentamento.

Tra questi puoi trovare:

  • un hosting che non ospita in maniera corretta il tuo sito;
  • un template complesso, pieno di codici e magari con dei plugin che tendono ad appesantire il sito. Riguardo gli ultimi oggetti citati, sappi però che ci sono anche delle versioni che invece possono aiutarti a rendere più rapido il tuo spazio online.
  • il formato delle immagini influisce moltissimo sulla velocità di caricamento di una pagina web.

Ottimizza in chiave SEO le immagini della tua landing page

Last but not least, come preannunciato nel punto precedente, le immagini di una landing page hanno un peso notevole in termini di SEO. Prima di tutto, in fase di costruzione e popolamento della tua landing page, utilizza dei tool per comprimere le immagini in maniera tale che possano occupare meno spazio senza perdere nitidezza. Verifica poi che le foto scelte abbiano tutte le carte in regola per piacere a Google, come la keyword nel nome del file e i tag ALT che descrivono ai crawler cosa rappresentano i contenuti visual.

Gianluigi Canducci

Mi chiamo Gianluigi Canducci, sono un esperto in web marketing, web designer, consulente e social media manager con sede a Cervia tra le province di RiminiRavenna e Forlì Cesena. Ho oltre 10 anni di esperienza nel campo e assieme ai miei collaboratori mi occupo della gestione di account Instagram e gestione pagine Facebook e della loro sponsorizzazione con annunci pubblicitari social ads mirati, di realizzazione di App personalizzate e di indicizzazione di siti web su Google. Sono a disposizione di piccole e medie imprese, freelance e brand personali in cerca di una figura con esperienza e dedizione.

Ultima modifica: Giovedì 25 Febbraio 2021