fbpx
sei-sicuro-che-il-tuo-sito-web-sia-intestato-a-te
Sabato, 21 Maggio 2022

Sei sicuro che il tuo sito web sia intestato a te?

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'articolo è stato letto 2915 volte

Ben ritrovati sul mio blog.

Se hai costruito un sito web di recente o ti sei affidato a una web agency è molto probabile che funzioni magnificamente, ma sei sicuro che il tuo sito web sia intestato a te e non a qualcun altro?

Creare un sito web oggi è molto diverso da quello che lo sviluppo web metteva a disposizione solo un decennio fa, ma la facilità e i servizi di site builder fai da te, spesso nascondono situazioni non sempre chiare.

Non puoi immaginare quante volte, in questi ultimi anni, mi è capitato di ricevere telefonate da potenziali clienti interessati a rifare il loro sito web, sprovvisti di accessi per l’area amministrativa del loro vecchio sito e senza accessi al pannello di controllo dell’hosting. Quelle sono cose il più delle volte risolvibili ma molto spesso capita che il potenziale cliente non sia nemmeno proprietario del suo sito web e del dominio. In pratica non è padrone di casa sua perché le chiavi le ha qualcun altro.

Allora ormai, come da prassi, vado a consultare WHOIS e scopro, amaramente, più volte di quanto si possa pensare, che il dominio è intestato all'agenzia che ha fatto il sito web.

Ma la cosa ancora peggiore è che molto spesso in questi casi l’agenzia che realizza siti web, qualora il cliente decidesse di interrompere il servizio di gestione, si sente in diritto di "prendere in ostaggio" il sito web e il relativo dominio ricattando il cliente, chiedendogli somme di denaro per la consegna delle chiavi del sito, e quindi la titolarità dello stesso.

Questo lo reputo a dir poco vergognoso!

Il cliente molte volte, giustamente, ignorante in materia, asseconda la società truffaldina convinto che questa sia la prassi ma ignora che è assolutamente illegale e che se solo si rivolgesse ad un legale potrebbe riavere tutto quanto gratuitamente. Ovviamente bisogna vedere i termini contrattuali, perché se sono presenti clausole in materia, la cosa potrebbe complicarsi un po'.

Cosa è WHOIS e come funziona

Il protocollo WHOIS è una query che controlla i nomi di dominio e gli indirizzi IP. Eseguita su siti web come Whois.com e Lookup.icann.org , la query WHOIS rivela i dati e le informazioni di identificazione e di contatto del sito web cercato. 

Detta in parole povere, WHOIS (dall’inglese “Who Is”, ovvero “chi è”) è un servizio che permette di recuperare tutti i dati legati al dominio come ad esempio la titolarità, le date di attivazione, le date di rinnovo e altro.

Puoi utilizzare il sistema WHOIS per vedere se un nome di dominio è registrato, a chi è registrato, i dettagli di contatto del proprietario e altri dati utili per la registrazione sul nome di dominio. Chiunque può utilizzare il servizio WHOIS utilizzando siti web accessibili pubblicamente. Attenzione però, i dati Who Is possono anche essere nascosti per motivi di privacy e quindi, anche utilizzando gli strumenti appositi, alcune informazioni potrebbero non essere accessibili.

Il database WHOIS è pubblico e memorizza le informazioni di contatto di coloro che registrano un nome di dominio specifico o modificano le impostazioni DNS. Anche se questo non è un unico registrar di nomi di dominio gestito centralmente, l'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) regola ancora l'intero database di record WHOIS. 

Ogni sito web è composto da diverse parti assemblate, la prima e probabilmente la più importante è il nome di dominio. Devi sempre assicurarti che, a prescindere da chi registra il tuo dominio, lo registri a tuo nome.

Ricordati che il tuo nome a dominio deve essere rinnovato ogni anno e se non lo fai, automaticamente il tuo sito web andrà offline, il tuo dominio tornerà disponibile all’acquisto e chiunque potrà comprarlo. In parole povere, chiunque può sfrattarti da casa tua se ti dimentichi di pagare l’affitto.

L’importanza che il sito web sia di tua proprietà

Ma torniamo all’atto pratico e a ciò che mi è successo proprio qualche settimana fa.

Un potenziale cliente di Rimini mi ha contattato perché aveva un problema. Aveva un sito web realizzato da un'agenzia, ma per una serie di circostanze ha deciso di cambiare web agency e affidare a me la gestione e il restyling del suo sito web.

Mentre stava scegliendo la nuova agenzia ha deciso di anticipare i tempi e ha inviato la disdetta per la gestione, scoprendo però, che il dominio e l'hosting non erano intestati a lui.

A questo punto, sapendo come gestire la situazione più che annosa, ma non riuscendo in nessun modo ad avere gli accessi né del sito né dell’hosting, ci siamo visti obbligati ad aprire un secondo dominio e acquistare un secondo hosting per caricare il nuovo sito perché quello vecchio era materialmente tenuto in ostaggio dalla vecchia agenzia.

Morale della favola: il cliente si è ritrovato con due siti web online per la sua attività col risultato di confondere i potenziali clienti, senza contare che le mail di preventivo provenienti dal vecchio sito venivano dirottate sui server dell'agenzia che riutilizzava i contatti per altri scopi.

Il contenuto del sito web deve essere di tua proprietà

Il testo, il design visivo e tutte le immagini che compongono il contenuto del tuo sito web sono di tua proprietà. Anche in questo caso, però, potrebbe esserci qualche incertezza.

Il contenuto del sito web è sempre di tua proprietà se è stato creato da te o da un tuo dipendente. Tuttavia, poiché poche aziende sviluppano internamente il proprio sito web, è importante leggere e comprendere appieno il contratto stipulato con la web agency.

Sorprendentemente, i contratti utilizzati da molte agenzie e consulenti di web design conferiscono loro la proprietà legale dei contenuti sviluppati. Di solito, solo quando un'azienda decide di migrare il proprio sito verso un altro fornitore, scopre la cattiva notizia.

Inoltre, molte web agency concedono in licenza fotografie stock da utilizzare nei siti web che sviluppano per i loro clienti, il che significa che la licenza è di proprietà della società di sviluppo, non tua. Anche in questo caso, se l'immagine è stata scattata da te o da un tuo dipendente, è di tua proprietà.

Con me tutto questo non succede e non succederà mai. Da subito, appena accettato il preventivo per la realizzazione del sito web, la titolarità e proprietà sono esclusive del mio cliente.

Hai problemi con la titolarità del tuo sito web e hai bisogno di una consulenza online? Contattami senza impegno!

Quando un cliente firma un contratto di consulenza web con me, immediatamente si stabilisce che il dominio e l'hosting sono a lui intestati e ne diventa quindi proprietario al 100%. Io avrò le credenziali di accesso solo per dare assistenza al cliente e per i cicli di manutenzione del sito web ma in caso di fine rapporto consegno il sito web nella sua interezza senza ricattare nessuno e senza chiedere denaro. Inoltre mi rendo disponibile per agevolare il passaggio verso il nuovo professionista senza ostacolare in nessun modo alcuna procedura di trasferimento del sito web.

Mi piace pensare che un cliente rimane con me perché è felice di farlo e non perché è costretto da vincoli e ricatti vari. Inoltre non vedo perché io debba ostacolare la migrazione del sito web verso un altro professionista, quando la titolarità del sito è del mio cliente e io ho già percepito quanto mi era dovuto.

Per come la vedo io, tra cliente e agenzia si deve creare una partnership, perché i presupposti sono che la collaborazione debba durare per anni. Non è sempre evidente quali problemi possa creare una cattiva collaborazione, ma è facile diventare ostaggio di una società di sviluppo web o di un "cugino che realizza siti web".

Conclusione

Mentre i contratti di sviluppo che pongono restrizioni sulla proprietà creativa di un sito web ricevono molta attenzione, la situazione che spesso porta ad avere più dubbi o problemi è quella in cui la società di sviluppo web ha registrato il dominio a suo nome o con un account diverso dal tuo. Sebbene questo, in molti casi, faccia abbassare notevolmente il costo per la creazione del sito web, dà alla web agency il pieno controllo sul tuo sito web.

La legalità della proprietà di un sito web può essere spesso poco chiara, ma non impossibile da determinare. Iniziare il processo con la comprensione di tutte le parti coinvolte e di come ciascuna di esse viene creata, insieme ad un partner di sviluppo affidabile, contribuirà a proteggere il tuo investimento e far crescere il tuo fatturato online in modo esponenziale, senza spiacevoli inconvenienti dell’ultima ora.

Gianluigi Canducci

Mi chiamo Gianluigi Canducci, sono un esperto in web marketing, web designer, consulente e social media manager con sede a Cervia tra le province di RiminiRavenna e Forlì Cesena. Ho oltre 10 anni di esperienza nel campo e assieme ai miei collaboratori mi occupo della gestione di account Instagram e gestione pagine Facebook e della loro sponsorizzazione con annunci pubblicitari social ads mirati, di realizzazione di App personalizzate e di indicizzazione di siti web su Google. Sono a disposizione di piccole e medie imprese, freelance e brand personali in cerca di una figura con esperienza e dedizione.

Ultima modifica: Sabato 21 Maggio 2022
Recensioni
Vuoi sapere cosa pensano di me i miei clienti?